ITA
< Indietro

NIK BÄRTSCH & SHA

Milano 20 06


All'incrocio tra jazz, funk e musica contemporanea

Dopo il successo del concerto dello scorso febbraio a Villa Maraini a Roma, l'Istituto Svizzero propone anche a Milano il concerto di Nik Bärtsch, geniale e talentuoso musicista di Zurigo, che si esibilrà al pianoforte preparato accompagnato dal clarinettista Sha.
La sua musica, che definisce come ‘Ritual Groove Music’, si trova all'incrocio tra jazz, funk e musica contemporanea. Segue i principi di ripetizione e riduzione, ed è attraversata da ritmiche complesse. È un distillato del suono universale delle città e non di una tradizione nazionale o stilistica, e si modifica continuamente attraverso sovrapposizioni, indirizzando l’attenzione dell’ascoltatore verso le variazioni minime e il fraseggio.


Il percorso di Bärtsch inizia da giovanissimo come batterista, per poi proseguire con lo studio del pianoforte, della filosofia e della linguistica, rivolgendosi poi verso varie discipline del corpo e filosofie orientali. Questa ricerca eclettica si esprime anche attraverso i suoi due progetti musicali, Ronin e Mobile, con cui ha raggiunto importanti successi a livello internazionale.


Nik Bärtsch (Zurigo, 1971) è pianista, compositore e produttore musicale. Ha studiato alla Musikhochschule di Zurigo. Ha all'attivo diversi progetti musicali, come il quartetto zen-funk Ronin e il progetto acustico Mobile. Nel 2006 ha fondato la label Ronin Rhythm Records, una piattaforma dedicata alla groove music, e nel 2009 è co-fondatore del club EXIL di Zurigo. È inoltre tra i fondatori del festival indie-classical Apples and Olives.
Come musicista ha all'attivo quattordici album, oltre a diverse collaborazioni e composizioni originali e moltissimi concerti a livello europeo e internazionale. Dal 2006 i suoi dischi sono pubblicati dalla casa discografica ECM, punto di riferimento del jazz e della musica contemporanea. Nel 2016 è stato nominato Rising Star Keybordist nella 64th Annual DownBeat International Critics Poll dalla prestigiosa rivista Downbeat.

Sha (1983) suona il sassofono e il clarinetto basso. Tra i suoi insegnanti ha avuto Nat Su, Don Li, Nik Bärtsch, Sujay Bobade. Sha ha ottenuto il master con lode alla Jazz School di Lucerna nel 2010. E' membro di RONIN, compositore e leader della propria Band 'Sha's Feckel'.
Ha lavorato con molti artisti come Walter Grimmer, Michael Gassmann, Philipp Schaufelberger e Claudio Puntin.

Si ringrazia il Consolato Generale di Svizzera a Milano


L’evento è organizzato in collaborazione con