ITA

Istituita ufficialmente dal Consiglio federale il 27 dicembre 1947, dal 4 agosto 1948 la Fondazione dell'Istituto Svizzero di Roma (ISR) ha sede nella splendida Villa Maraini sul Pincio. Fu la contessa Carolina Maraini-Sommaruga (1869-1959), vedova dell’industriale Emilio Maraini (1853-1916) – anch’esso di Lugano, noto per aver introdotto in Italia la produzione di zucchero ottenuto dalle barbabietole — a donare, nel 1946, la loro residenza nella capitale alla Confederazione Svizzera. Il mandato espresso in occasione della donazione fu che la Villa fosse “perpetuamente al servizio della cultura, nel segno della collaborazione tra la Svizzera e l'Italia”.

Dalla sua fondazione fino a oggi, l'ISR persegue il suo scopo, stabilito dall'articolo 2 dello statuto, di “offrire a giovani svizzeri la possibilità di approfondire le loro conoscenze o la loro arte, d'intraprendere ricerche o lavori originali, in un centro di cultura classica” e di “incoraggiare l'attività scientifica o artistica della Svizzera, offrendo a studiosi e artisti condizioni favorevoli di soggiorno in Italia”, e altresì di “contribuire allo sviluppo delle relazioni scientifiche e culturali tra la Svizzera e l'Italia”.

 In seguito alla nuova impostazione strategica e strutturale fissata dal Consiglio di Fondazione nel 2004, l'ISR può avvalersi del sostegno di due nuovi partner istituzionali: la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI) e la Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia (PH), che si aggiungono all'Ufficio federale della cultura e all'Ufficio federale delle costruzioni e della logistica, ai Cantoni e agli sponsor privati.

Il sostegno della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazionea permette di organizzare progetti e convegni scientifici, contribuendo così a migliorare i rapporti tra il mondo accademico elvetico e i centri di ricerca italiani.
Nel 2005 Pro Helvetia ha dato mandato all’ISR di assumersi il ruolo principale di promozione culturale sul territorio italiano, lavoro prima svolto dal CCS – Centro culturale svizzero di Milano (1997-2005). La programmazione degli eventi presso la sede di Milano è oggi prodotta dall’Istituto Svizzero di Roma. L'ISR ha gestito la programmazione della sede di Venezia, al contempo anche spazio consolare della Svizzera, fino a marzo 2012.
Ancora a partire dal 2005, la Banca Svizzera Italiana (BSI) opera come partner privato dell’ISR.

L'ISR con le sue sedi a Roma e Milano è oggi il principale centro culturale della Svizzera in Italia e offre una notevole opportunità nella formazione delle nuove leve scientifiche ed artistiche del nostro Paese.
Ogni anno l'ISR ospita tra 10 e 12 borsisti, fra artisti e studiosi universitari svizzeri, che risiedono a Roma per un intero anno accademico, da metà settembre a metà luglio.